Camminare sulle onde

Dovendo raggiungere Adelaide da Melbourne, non si può non attraversare la Great Ocean Road, itinerario promosso in tutte le salse come IL viaggio sulla costa. D’accordo, facciamolo.

A primo impatto questo “grande” viaggio costiero australiano non offre uno scenario diverso o meno piacevole dalle enormi spiagge zafferano del New South Wales, o dalle cristalline e freddissime acque della Tasmania.

Siccome fermarsi in ogni paesino per “gustarsi l’ennesimo caffè nelle vie del town centre” o visitare la fabbrica di cioccolato di turno richiede tempo; siccome i punti panoramici sulla costa hanno un sapore diverso se li si raggiungono a piedi; siccome a noi piace camminare e non siamo dei gran surfisti (al contrario, siamo pignoli e l’Oceano autunnale con il suo venticello pungente non ci va proprio giù!) … questa Great Ocean Road ce la scopriamo a piedi.

Scopriamo che sono molti i sentieri percorribili lungo le principali tappe della Great Ocean Road e quasi tutti, naturalmente, costeggiano l’Oceano. Noi abbiamo scelto di camminare sulle onde delle spiagge del surf più famose al mondo e patria di Rip Curl, Quick Silver e altri brand iconici di questo sport: sto parlando del paesino di Torquay.

La Surf Coast Walk percorre un totale di 44 km e la tratta che abbiamo percorso noi inizia nel centro cittadino e segue tutta la costa fino a Bells Beach, la spiaggia dove ogni anno si contendono il premio Rip Curl Pro i più grandi surfisti del mondo.

L’itinerario è davvero piacevole: nei 12 km totali (andata e ritorno) tra Torquay e la spiaggia la brezza del mare soffia costantemente e ci sono diversi spot per scattare foto e apprezzare le scogliere rosse su cui si infrangono le onde. Il sentiero alterna passerelle in legno alla sabbia o alla ghiaia, e si incontrano ad ogni ora ciclisti, mamme runner con passeggino e cane, surfisti che si infilano la muta in fretta e furia per sfruttare le onde nei momenti di pausa.

“Ma questi quanto stanno bene qui?” è la domanda ricorrente che ci poniamo quando visitiamo questi paesi sul mare. Perché, oltre alla bellezza genuina della costa, è palese che gli australiani “di mare” siano l’emblema della vita rilassata e che ripudia la frenesia.

Slow down, chill out“.

Arrivati sulla terrazza panoramica di Bells Beach ci godiamo uno dei nostri pranzi gourmet panino-tonnoinscatola-funghiinscatola insieme a qualche operaio dell’impresa edile che sta smantellando le tribune della competizione mondiale di surf Rip Curl Pro, che si è appena conclusa. Ridono beati tra di loro, sorridono e ci salutano calorosamente mentre si godono la pausa pranzo sull’Oceano, temporeggiano prima di tornare al cantiere. Penso allo stato d’animo di un operaio medio italiano, alla frustrazione che spesso aleggia tra chi, tra straordinari, tasse e ritmi di vita convulsi, si cerca di godere altrettanto goliardicamente una pausa pranzo con i colleghi, senza rinunciare a una sana risata.

Ce l’abbiamo ancora, noi italiani, quella rilassatezza?

Sarà l’Oceano? Sarà la pazienza di chi è abituato ad aspettare per ore il momento giusto a cavallo della tavola, cullato dal rotolare del mare, pronto a camminare sulle onde? Sarà che qui sembrano quasi tutti l’incarnazione fatta a persona della vita semplice, leggera, rispettosa, tanto che è naturale sentirsi domandare sempre, anche dai passanti: “G’day man, how ar’ ya?”. Che si aspettano a loro volta la canonica risposta “Not bad, thanks. And you?”. Un circolo vizioso.

Come un’onda che dal Polo Sud percorre migliaia di miglia e s’infrange a Bells Beach, per immergersi di nuovo nel circolo di correnti marine e restituire il favore in acque più fredde.

A questa domanda di convenienza “Ciao, come va?”, in Italia, nessuno si aspetta realmente una risposta. Anzi nemmeno si risponde, a volte.

Forse dovrei farmi amico l’Oceano e imparare a camminare sulle onde anche io.

 

Photo Credits: Andrea Messina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...