Warrambungle National Park

La combinazione di terra arancione, foreste selvagge, canguri tanto vicini da poterli toccare, stelle che rischiarano il cielo di notte, fa di questo parco nazionale un emblema dell’australianità.

Alle formazioni rocciose rossastre si mescola un paesaggio denso di colori freddi (il verde petrolio dei cespugli del bush, il verde pallido dell’eucalipto), il tutto intrecciato a perdita d’occhio nelle vallate. Gruppetti di canguri che brucano accolgono il viaggiatore nell’anticamera d’accesso al parco e nessuno arriva al campeggio senza essersi fermato a scattare qualche foto.

Il Warrambungle, che è raggiungibile dalle principali strade provinciali del New South Wales settentrionale, è stato il nostro primo parco nazionale in Australia e da subito ci siamo fatti incantare dall’affetto con cui i ranger e la collettività si prendono cura di centinaia di migliaia di ettari di territorio, patrimonio di una popolazione fa delle attività all’aria aperta uno stile di vita.

Siamo arrivati al campground Blackman nel primo pomeriggio e abbiamo deciso di addentrarci in una camminata breve nei dintorni. Appena abbiamo messo piede fuori dalla boscaglia che ospita le piazzole per camper e tende, BOOM! È esplosa davanti ai nostro occhi la valle incantata: una prateria di boscaglia bassa e fitta con ampie distese d’erba su cui pasteggiavano decine di canguri in libertà, sullo sfondo di una catena rocciosa massiccia, plumbea e ramata. Sarà stata l’emozione di vedere per la prima volta i canguri, sarà stata la vista mozzafiato su uno dei tanti visi della “vera Australia”.

Noi ci siamo sciolti letteralmente.

La mattina Andrea ed io ci siamo avventurati per affrontare la Breadknife Grand High Tops Walk, una camminata di 14.5 km di vari gradi di difficoltà (parecchi scalini sono contemplati, oltre ad alcune strettoie sui dirupi lungo alcuni tratti del sentiero). Il percorso ad anello è un gioiellino nella corona delle iconiche cime rocciose del parco perché tocca le sommità Belougery Spire, Bress Peak e Crater Bluff (le più alte del parco) e percorre ad anello i punti panoramici più impressionanti, regalando una vista impagabile delle prepotenti cime di antichi vulcani emersi sulla terra migliaia di anni fa!

Ecco alcuni scatti di quello che abbiamo avuto la fortuna di goderci nella nostra prima giornata di trekking:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ogni volta che visitiamo un parco, ci stupiamo di come le foreste australiane, luoghi così remoti e inospitali, siano alla portata di tutti: le strade sono quasi sempre praticabili da mezzi 2WD, se non appositamente specificato (tra l’altro con una segnaletica abbastanza evidente), e molti sentieri sono accessibili anche ai viaggiatori con disabilità e ai bimbi. Passiamo poi ai servizi: sempre presenti toilette con wc e lavandini (seppur chimici o compostabili, che ti lasciano addosso un odorino di biodegrabadilità e disfacimento di liquidi indimenticabile), e si tratta spesso di casupole in legno con tetto verde perfettamente integrate nel territorio circostante. Per non parlare della segnaletica dei sentieri e cartellonistica che ricorda al trekker importanti accorgimenti, o delle panchine, tavoli e gli immancabili BBQ, sparpagliati debitamente nel parco senza affollarlo.

Se a tutto ciò aggiungiamo che il parco Warrambungle si distingue per una foltissima popolazione di canguri che mangiano, dormono, saltellano e si coccolano beatamente a pochi metri dai campeggiatori, potremmo quasi paragonare questo parco a un’utopica valle dell’Eden in cui animali e umani convivono in armonia.

 

Photo Credits: Andrea Messina

Un pensiero su “Warrambungle National Park

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...